Home > Albero della vita vichingo

Albero della vita vichingo

Albero della vita vichingo

Ma quanto bene conosciamo questi simboli vichinghi? Significato simbolismo vichingo Per quelli di voi che sono curiosi di conoscerli, ecco i simboli norreni più importanti: Valknut simbolo significato Senza dubbio, il Valknut è uno dei simboli vichinghi più importanti e popolari. Conosciuto anche come il nodo di Odino, il cuore di Hrungnir, il nodo del guerriero ucciso e il Cuore di Vala, il simbolo Valknut è considerato il simbolo di Odino.

La parola "valknut" deriva da due parole diverse: Secondo la fede norrena, nel Valhalla la Sala degli eroi uccisi , Odino, il dio della morte e della guerra nella mitologia norrena, accoglieva i guerrieri morti coraggiosamente in battaglia. Inoltre, questo simbolo, insieme a quello di molti animali sacri strettamente associati a Odino, appartenenti alla tradizione nordica vichinga, sono stati reperiti in moltissime tombe, spesso intrecciati con il simbolo Valknut, sempre posti accanto ai defunti.

I nove angoli di tre triangoli che comprendono il Valknut , vengono associati ai nove mondi della mitologia norrena e al ciclo della vita attraverso la maternità e la gravidanza. Yggdrasil Yggdrasil, l' Albero della Vita , non è solo uno dei più importanti simboli vichinghi e norreni, ma un elemento importante della stessa fede nordica. Ecco perché, lo Yggdrasil, è considerato il simbolo dell'interconnessione di tutte le cose nell'universo. Secondo la fede nordica, questo albero sacro nasce dalla sorgente di acqua, da cui sgorga tutta la vita esistente, da qui il perché venga chiamato Albero della Vita, un simbolismo presente in molte culture del passato anche non aventi nulla a che fare le une alle altre.

La seconda ragione, per cui si definisce lo Yggdrasil albero della vita, è che da esso si colgono i frutti che rendono giovani gli Dei, ridonando loro la vita, o mantenendoli vivi in eterno. Secondo la mitologia norvegese, il mondo finirà con il Ragnarok, una battaglia tra dei e una sorta di demoni giganti, nella quale solo un uomo e una donna sopravviveranno nascondendosi a tale disastro in una crepa dell'albero altro mito ricollegabile alla storia di Adamo ed Eva che trova riferimenti anche in altre culture non semitiche. La coppia lascerà l'albero per riportare la vita al mondo. Sebbene l'albero in questione non sia menzionato specificamente o lo Yggdrasil non sia chiaramente associato al mito, alcuni pensano sia l'albero che proteggerà la vita dal Ragnarok.

Simbolo Aegishjalmur o Aegishjalmr Aegishjalmur noto anche come Elmo del terrore è una stella fatta di rette che si intersecano al centro e portano ogniuna una runa alla estremità. La parola Aegishjalmr è composta da due diverse parole in lingua norrena: Simbolo elmo di terrore Dovremmo chiarire qualcosa a questo punto: Significa semplicemente "in prima linea". In effetti, i guerrieri vichinghi erano soliti disegnare Aegishjalmr sulla fronte per essere protetti dai loro nemici e infondere loro paura.

Il simbolo viene citato in diverse saghe, riguardanti le gesta degli eroi vichinghi, inclusa la Saga di Völsunga. Oggi, l'Aegishjalmur è disegnato o usato in forma di tatuaggi, come simbolo di protezione o come simbolo di identificazione tra i credenti di Asatru. Vegvisir significato simbolo Ampiamente associato con Aegishjalmr o talvolta persino confuso con esso, a causa della somiglianza tra i due, il Vegvisir è un altro simbolo vichingo composto da rune rune. Si crede che il Vegvisir, noto anche come la bussola vichinga o la bussola runica, fornisca una guida per una persona che potrebbe perdere la strada.

Sembra venisse disegnato sulle navi vichinghe, prima che salpassero, per assicurarsi che l'equipaggio sarebbe tornato a casa sano e salvo. Detto questo, c'è una confusione sull'origine del simbolo e sul fatto che si tratti o meno di un vero e proprio simbolo ereditato dall'Era vichinga, poiché ci sono pochissime risorse che lo menzionano. Odhroerir è il nome associato sia al Mead of Poetry prateria dei poeti che a una delle corna che lo contenevano. Oggi, oltre a identificarsi come norreno, il triplice corno di Odino, viene usato come simbolo di saggezza e ispirazione, in particolare per l'ispirazione poetica da qui penso - aggiunta mia - che i migliori poeti per essere ispirati debbano per forza ubriacarsi Mjölnir, Il martello di Thor Con la sua autenticità e il suo significato nella mitologia norrena, Mjölnir, o martello di Thor, è sicuramente uno dei più importanti simboli vichinghi e norreni se non il più importante.

Un'altra interpretazione della parola, suggerisce che il significato sia molto più vicino al significato di "schiacciare". Secondo la mitologia norvegese, Mjölnir non era solo un'arma, ma uno strumento utilizzato da Thor per diversi scopi. Si pensa anche che Thor usasse il Mjölnir per benedire i matrimoni durante i quali forniva alla coppia fertilità. Thor proteggeva la gente dal caos consacrandoli con il Mjölnir e proteggeva il cosmo dai giganti, schiacciandoli con esso, anche il martello di Thor è considerato un simbolo di protezione, infatti, durante la battaglia, i guerrieri vichinghi indossavano il martello di Thor come amuleto per avere protezione.

Questa tradizione fu portata avanti anche dopo che molti vichinghi si convertirono al cristianesimo: Oggi, oltre ad essere un simbolo di protezione, il Mjölnir è usato per rappresentare la fede germanica del neopaganesimo, conosciuta anche come Heathenry o Heathenism. La svastica Tra tutti i simboli vichinghi, la svastica è sicuramente quella che ha quasi perso il suo vero significato. Questa parola è una delle più delicate dell'intera letteratura mitologica norrena: Come abbiamo visto, il frassino Yggdrasill è l'immagine stessa del cosmo: Ma questa sfera celeste non è un tutt'uno statico, ma un insieme in perenne movimento, un immenso orologio-bussola le cui lancette scandiscono incessantemente i rapporti tra lo spazio e il tempo.

Non vi è alcuna volontà a dirigere questi giri immani delle stelle attorno all'asse centrale, del sole e dei pianeti lungo la fascia zodiacale: Ed è una legge superiore a cui sono soggetti persino gli dèi. In questo senso il frassino Yggdrasill è l'immagine del cosmo, il perno intorno al quale viene misurato il tempo e intorno al quale si decreta il destino dell'universo. Il passo di un poema eddico lega l'immagine dell'albero cosmico a una strana idea di fragilità: Il frassino Yggdrasill sopporta pene più grandi di quanto gli uomini sappiano: A che cosa si deve quest'immagine dell'albero cosmico che potrebbe crollare? Abbiamo già messo in relazione il frassino Yggdrasill con l'immensa quercia che compare nel secondo runo del Kalevala , della quale è registrato il crollo.

Anche riguardo al misterioso Sampo , anch'esso presente nel Kalevala , il cui coperchio è la volta del cielo e le cui tre radici si svolgono in tre direzioni diverse, si parla di scardinamento e distruzione. De Santillana e la Von Dechend, nel loro studio, hanno riportato il mitema dello scardinamento dell'asse cosmico al fenomeno della precessione degli equinozi, movimento celeste scoperto — ufficialmente — da Hípparchos di Níkaia nel II secolo a. Questi punti, come sappiamo, sono dominati da una specifica costellazione, che è la costellazione zodiacale attraverso la quale sorge il sole nell'equinozio di primavera.

Questo fenomeno è visto, nella visione cosmologica, come uno scardinamento dell'asse terrestre e il ristabilimento di un nuovo asse. E è un numero significativo in questo tipo di calcoli. Questo secondo calcolo, se corretto, riporterebbe la cifra alle considerazioni sopra esposte sulla durata dei cicli cosmici. Meno significativa l'ipotesi esaminata da Mannhardt e poi ripresa da Branston, secondo cui l'albero cosmico avrebbe una connotazione sessuale, rappresentando il membro maschile eretto, come fonte della procreazione. Aree - Holger Danske Sezione: Ha collaborato: Mara Ricci. Sostegno e impalcatura ai nove mondi, nella cosmologia nordica, è un frassino, simbolo sempreverde dell'eterno fluire della vita attraverso i livelli dell'esistenza.

Fonti Bibliografia. Il frassino Yggdrasill Gli animali che dimorano sul frassino Gli altri alberi cosmici Fonti. Il frassino Yggdrasill Sulle tracce dell'albero cosmico L'albero cosmico e la sua fauna L'albero cosmico: Fonti 1. Snorri Sturluson: Fuit rex Carlus hotiliter in Saxonia et destruxit fanum eorum quod vocatur Irminsul. Karolus Saxoniam bello aggressus, Eresburgum castrum cepit et idolum Saxonum quod vocabatur Irminsul destruit.

Annales Fuldensens []. Ibi etiam est fons ubi sacrificia paganorum solent exerceri et homo vivus immergi. Qui dum non invenitur ratum erit votum populi. Accanto al tempio vi è un albero che molto protende i suoi rami, sempre verde d'estate e d'inverno: Là vi è anche una fonte presso cui si praticano sacrifici pagani e un uomo vi viene immerso vivo. Se torna a galla è segno che i desideri degli uomini saranno soddisfatti. Adamus Bremensis: Branston C'è molto da dire.

Tre radici sostengono l'albero e si estendono per spazi incredibili: Sotto questa radice, che si dirige verso i giganti di brina, c'è Mímisbrunnr , ove sono conservate saggezza e intelligenza. Si chiama Mímir colui che possiede la fonte. Egli è pieno di sapienza, poiché beve dal pozzo con il corno Gjallarhorn. Nel Gylfaginning , si dice invece che: Un elegante tentativo di figurazione delle direzioni prese dalle radici del frassino. In questo diagramma, il frassino Yggdrasill cresce al di sopra della volta del cielo si noti i quattro nani che sorreggono quest'ultima , forse nel tentativo di dare una localizzazione alle radici Gordon Brian Branston, Gods of the North.

Mondadori, Milano Eurobook, London BUGGE Christiania [Oslo] Oxford, COX London, Hamlet's Mill. Boston Adelphi, Milano []. Jan De Vries, Altgermanische Religionsgeschichte. Oxford University Press, Oxford GRIMM Jacob Grimm, Deutsche Mythologie. Dieterich, Göttingen Rusconi, Milano Tea Leggende e miti vichinghi , a cura di Gianna Chiesa Isnardi.

Gianna Chiesa Isnardi, I miti nordici. Longanesi, Milano Elias Lönnrot, Kalevala. Poema nazionale finnico , traduzione e note di Paolo Emilio Pavolini. Remo Sandron, Milano POLIA I detti di colei che vede. Il Cerchio, Rimini Viktor Rydberg, Undersökningar i germanisk mythologi. Adolf Bonnier, Stockholm Gods and Goddesses of the Northland. Garzanti, Milano Germanica - Brynhilldr. Ricerche e testi di Dario Giansanti e Oliviero Canetti.

Creazione pagina:

YGGDRASILL - L'albero cosmico

Tre radici reggono l'albero e si diramano estendendosi in tre diverse al centro dell'universo e rappresenta la continuità e la vita stessa dei nove mondi. .. Come sappiamo bene, i vichinghi erano estremamente fatalisti: «se. Yggdrasil Rune, collana Albero della Vita vichinga, Vichingo Ciondolo, celtica Albero del Mondo, mitologia norrena, Asatru, gioielli vichingo Opzioni di incisione. L' albero rappresenta la vita, morte e resurrezione. 'boccioli della primavera, ripens in estate, withers muore in inverno e in autunno, ma si risveglia nuovamente. Yggdrasill, “l'albero della vita“: uno degli elementi più noti della mitologia nordica , dei più diffusi e, forse, anche dei più abusati. Lo ritroviamo. Yggdrasill [ˈygˌdrasilː], nella mitologia norrena, è l'albero cosmico, l'albero del mondo. è fonte della vita, delle acque eterne, è l'albero che dà la vita;; è fonte del sapere, è all'origine della sapienza di Óðinn;; è fonte del destino. Yggdrasil, l'Albero della Vita, non è solo uno dei più importanti simboli vichinghi e norreni, ma un elemento importante della stessa fede. Yggdrasil Rune, collana Albero della Vita vichinga, Vichingo Ciondolo, celtica Albero del Mondo, mitologia norrena, Asatru, gioielli vichingo Nel mezzo di.

Toplists